Alimentazione & Salute


IN FUTURO SIAMO DESTINATI A DIVENTARE COSÌ?

4 Giugno 2018 - ALIMENTAZIONE E SCIENZA
 
 

CNM College of Naturoptic Medicine ci pone questa domanda durante un corso di aggiornamento il 15 aprile 2018.


Nella seconda immagine troviamo le notizie che ci giungono da University of Alabama at Birmingham (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari

GLI ITALIANI, GRAZIE ALLA DIETA MEDITERRANEA E ALLA VARIETÀ DEL TERRITORIO CON TANTO MARE A PORTATA DI TUTTI SARANNO TRA I MIGLIORI DOPO I FRANCESI. I PEGGIORI NEGLI U.S.A.

QUALI SONO LE MIGLIORI LINEE GUIDA

I FABBISOGNI DEL CORPO SONO DETERMINATI: dallo stato fisiologico dell’individuo – dalla composizione della razione alimentare - da altri fattori quali il fumo, l’alcool - l’uso prolungato di farmaci – dalla presenza di contaminanti ambientali. CHE COSA DOBBIAMO “ESSENZIALMENTE” IMPORTARE DALL’ESTERNO CON L’ALIMENTAZIONE? ACQUA - GRASSI – AMINOACIDI - CARBOIDRATI - VITAMINE-MINERALI - MICROELEMENTI. L’acqua é il componente corporeo presente in maggior quantità nel nostro organismo (bamno 80% adulto 60-65%) contribuisce al mantenimento di salute e bellezza – favorisce processi digestivi - regola il volume cellulare - facilita l’eliminazione delle scorie metaboliche – regola l’equilibrio elettrolitico. É coinvolta in tutte le reazioni chimiche che avvengono nell’organismo, agisce come mezzo di trasporto dei nutrienti e come lubrificante. La sua evaporazione dalla superfice della cute rappresenta il più importante meccanismo attraverso il quale riusciamo a controllare la temperatura corporea. Dose giornaliera raccomandata: 1,5 ml di acqua pura

BILANCIO ENERGETICO
ENTRATE= USCITE = normopeso
ENTRATE < USCITE =sottopeso
ENTRATE > USCITE =sovrappeso

più specificatamente il bilancio energetico rappresenta la relazione tra apporto energetico e dispendio energetico.
APPORTO ENERGETICO AVVIENE ATTRAVERSO FATTORI CHE INTERAGISCONO TRA LORO: senso di fame - fattori psicologici e modificazioni dell’umore - fattori sociali e ambientali.
DISPENDIO ENERGETICO: mantenere le proprie attività fisiologiche (metabolismo basale) regolazione temperatura corporea - ATTIVITÀ FISICA. In realtà non é necessario che l’equilibrio sia mantenuto di giorno in giorno (Dieta Flessibile). L’organismo é pronto a tali variazioni entro piccoli intervalli di tempo. Un giorno abbondante deve corrispondere ad un giorno di magra. Sono i famosi mini digiuni consigliati dal prof. Veronesi in poi. IL SOVRAPPESO costituisce un elevato fattore di rischio per l’insorgenza di diverse malattie degenerative. Tanto maggiore é il sovrappeso tanto maggiore é il rischio.

ATTIVITÀ FISICA: L’UOMO É FATTO PER MUOVERSI

previene malattie cardio vascolari, respiratorie, depressione, perdita di massa muscolare, perdita del senso dell’equilibrio e molto altro.

LA PIRAMIDE DI RIFERIMENTO

CARBOIDRATI - FIBRE - PROTEINE - GRASSI

CARBOIDRATI: SCEGLIERE SEMPRE CARBOIDRATI COMPLESSI

che costituiscono la principale fonte di energia immediatamente disponibile. Bisogna scegliere i carboidrati complessi per non provocare sbalzi glicemici con rilascio immediato ed eccessivo di insulina. L’insulina trasforma gli eccessi in grassi.

FIBRE ALIMENTARI

Verdure, frutta fresca e secca, grano integrale SOLUBILI: assorbono acqua formando gel – assorbono tossine e rifiuti del metabolismo - rallentano l’assorbimento intestinale di zuccheri e grassi contribuiscono così al controllo della glicemia, della colesterolemia, aumentano la massa fecale, favoriscono il senso di sazietà, hanno una azione prebiotica. INSOLUBILI: non assorbono acqua - favoriscono la motilità intestinale - azione gastrointestinale - aumentano il peso della massa fecale - promuovono la regolarità dello svuotamento - hanno azione prebiotica - favoriscono il senso di sazietà - vanno selezionate con cura da individuo ad individuo perché potrebbero essere irritanti per l’intestino.

PROTEINE E AMINOACIDI ESSENZIALI

Contengono carbonio, idrogeno, ossigeno e azoto. Le proteine sono formate da aminoacidi chiamati ESSENZIALI perché devono essere importati con l’alimentazione.

Evidenziamo la funzione di alcuni aminoacidi ESSENZIALI:
FENILALANINA precursore DELLA TIROSINA richiede la presenza di Vitamina C e B6. Importantissima per l’umore migliora memoria e apprendimento. Precursore della dopamina e noradrenalina sveglia il senso di fame. Favorisce la formazione di enzimi pancreatici. Regola l’ormone della sazietà.
LISINA vince il senso di fatica, assorbe calcio, forma collagene e rinforza contro l’herpes simplex. Potenzia il sistema immunitario. É utile per contrastare la rinite virale, detossifica dai metalli pesanti in particolare dal Piombo.
METIONINA contro metalli pesanti. Si trova negli spinaci, formaggi, semi di sesamo, noci. Azione detossificante epatica.
TRIPTOFANO fornisce al cervello la serotonina in presenza di 5-http che serve contro depressione, fibromialgia - binge eating desorder ossia alimentazione incontrollata - obesità - mal di testa cronico – insonnia.

EVIDENZIAMO LA FUNZIONE DI ALCUNI AMINOACIDI NON ESSENZIALI :
ARGININA infertilità maschile - attenzione perché antagonizza la lisina.
TIROSINA se scarseggia compaiono depressione, ansia, crisi di panico.

DESTINO BIOLOGICO DELLE PROTEINE: rigenerazione di nuovi tessuti - rigenerazione delle proteine plasmatiche - ricambio di aminoacidi - glucogenesi - funzione metabolica specializzata - demolizione completa (anidride carbonica e acqua).

GRASSI o LIPIDI

Gli acidi grassi sono il componente più importante dei lipidi ampiamente rappresentati negli organismi viventi dove svolgono funzioni strutturali, energetiche e metaboliche. Raramente sono sotto forma libera. Sono invece incorporati nelle varie classi lipidiche (trigliceridi, fosfolipidi, esteri del colesterolo, cere) che si formano nel metabolismo lipidico

BENESSERE CARDIOVASCOLARE

L’attività del EPA con il DHA risultano capaci di far diminuire i trigliceridi nel sangue e anche l’aggregazione delle piastrine (rischio di trombosi). DHA è maggiormente presente nelle sinaptosomi cerebrali e nella retina (sviluppo cerebrale e retinico anche in gravidanza ). EPA serve maggiormente per il benessere cardiovascolare.

Mentre gli acidi grassi saturi possono essere dannosi su cuore e arterie, i POLINSATURI o grassi buoni hanno effetti benefici sull’organismo. Tra questi gli Omega 3 EPA e DHA.

Come è cambiato il rapporto tra Omega 3 - Omega 6 nella dieta di oggi a causa del processo di industrializzazione? Il rapporto ideale è 1:1

Tappe nell’evoluzione dell’alimentazione

ALIMENTAZIONE ANCESTRALE:

il cucciolo d’uomo è predisposto a vivere in un contesto naturale difficile per mantenere l’esistenza stessa, totalmente privo di zucchero e supermercati. Oggi siamo in situazione assurda che invece di lottare per trovare cibo, lottiamo per rifiutarlo. All’inizio dei tempi dell’Homo Sapiens nessuno si svegliava con la certezza di rimettersi a dormire tranquillo la sera successiva perché la vita era alla mercé di una semplice ferita infetta, di un parto difficile, di fame e freddo. Allora c’era un furioso istinto di sopravvivenza, un furioso istinto di conservazione. La sincronicità delle nostre azioni è orchestrata a livello cerebrale sotto forma di SINFONIA NEURONALE, un trasmettitore rinchiuso nel cervello arcaico. Comincia a pulsare nel grembo materno e non smette mai tranne nei casi di depressione (serotonina - ricompensa – piacere) proteine animali, grassi animali pochi, verdure e bacche. Rapporto Omega 3-6 -> 1:1.

RIVOLUZIONE AGRICOLA:

l’uomo scopre che invece di cacciare gli animali li può allevare. Allo stesso modo anziché cogliere i frutti della terra li può coltivare. Il cervello umano si organizza e scopre la ruota, la vela, l’arco il metallo il giogo. Rapporto omega 3-6 -> 5:1.

RIVOLUZIONE INDUSTRIALE (attorno agli anni 1750):

Comincia in Inghilterra con l’importazione dalle colonie di prodotti non lavorati. Nei cibi cambia il rapporto di omega 3-6 -> 10:1.

1944 NUOVO PATTO MONETARIO ED ECONOMICO:

che trasformerà la condizione umana con i bisogni collettivi dando prevalenza ai bisogni dell’individuo (consumismo=cretinizzazione delle masse come l’ha definito Salvator Dalì) Scienza, tecnologia, comunicazioni veloci, trasporti, medicinali ci portano in un mondo dove il primo comandamento è la crescita economica infinita: produrre e consumare!!! Da qui parte delle aziende la volontà di creare dipendenza. Rivoluzione industriale fast-food: più veloci, più veloci!!! Cereali - mais - frumento e riso - carne di animali nutriti con mangimi ricchi di omega 6 – pesce di allevamento nutrito con mangimi – grassi saturi e idrogenati. Rapporto omega3-6 -> 1:15.

Ma, seguendo le linee internazionali il giusto per la salute è

Queste immagini ci aiutano a riflettere e a scegliere. E la storia continua...

Bibliografia: Dr. Klaus Oberbeil - CNM College of Naturopathic Medicine - Dr. M.D. Gershon- Dr. Mikol Bettella - Dr. Robb Wolf – Dr Carol Hart - Dr. Pucci Romano - Dr. P. Gargiulo

info@luisapoluzzi.com